testimonianza cristiana

Quando j & rsquo; ho iniziato questo blog, rapidamente m & rsquo; s è venuto & rsquo; d & rsquo idea, scrivere sulla liturgia. Non per rivendicare uno status specialista, ma di condividere la mia esperienza di ciò che è il cuore della vita & rsquo; un cristiano. C'erano due strade che dovevano fondersi : Abbiamo dovuto dire la Messa (e dei suoi benefici), e poi affidare il percorso che il & rsquo; aveva rivelato.

parte 1 : Che massa per la quale chiesa ? – Davanti & rsquo; chiesa

Prêtres en soutaneDurante l'anno 1987, Ho pensato che era arrivato il mio tempo. La mia vita stava crollando. La vita non potrà mai crollare, Io metterò un paio di anni per capire ; o fermate, o diventa. La mia vita è stata così trasformata, violentemente, profondamente, lei mi ha offerto laenantiodromos comme disent les Grecs. I enantiodromos è su questa strada che si divide, che separa, che diventa due, e invece ci troviamo di fronte alla scelta. I enantiodromos mi ha aiutato a capire che cosa la libertà. Questa era una situazione senza precedenti, I & rsquo; vado & rsquo; la realizzazione di. Questo incrocio quando la vita prende una svolta segni abbastanza inaspettato il passaggio dall'infanzia all'età adulta. Questo momento non ha età. Voglio dire che si può vivere a qualsiasi età. Non dovrebbe non sia sotto tensione. Non capisco che cosa differenzia la libertà sperimentato durante l'infanzia libertà scelto all'età adulta. Poiché la scelta fatta, diventiamo un'altra ; l'esperienza ci mostra e dà un quadro e il fondamento di personalità.

Continua a leggere “testimonianza cristiana”

Newman e Socrate

I legami tra antica filosofia greca e il cristianesimo sono molti. I più famosi precetti greci : Gnothi Seauton, "Conosci te stesso", registrato in Delphi conserva un mistero. Un altro pezzo di frase abbiamo alloggiato : "Ma non troppo"… Conosci te stesso… Ma non troppo ! Platone Socrate porta a considerare la formula in Delphi Philèbe :

Socrates - Questo è fondamentalmente una sorta di vizio che prende il nome da una particolare abitudine, e questa parte della morsa in generale è contrario a quello raccomandato l'inclusione di Delphi.

Protarchus - Questo è il precetto : know-te, si parla, Socrate ?
Socrates - Sì, e l'opposto di questo precetto, nella registrazione della lingua, non saprebbe a tutti.
"Conosci te stesso" per migliorare voi, per cancellare in te ciò che dà fastidio al vostro sviluppo. Non so è già un fallo a Socrate. "Ma non troppo", perché l'uomo crede che così facilmente molto di più di quanto sia, fils d'Adam, L'uomo è il giocattolo della sua presunzione. "Ma non troppo" al fine di non fare di te un dio.
Questo è uno dei fondamenti della cultura greca, l'idea di sapere, l'idea di saggezza, cresceva in sapienza, ma anche la sensazione che troppo scavo sorprese possono sorgere, e non necessariamente buono. I greci erano molto consapevoli delle debolezze umane, i suoi difetti. I greci sono ancora, con i cristiani, coloro che più hanno sottolineato la possibilità di debolezza umana, questo è anche ciò che ci rende così vicino. La debolezza dell'uomo è espressa nei loro vangeli, le tragedie. Pietà e paura sono i due pilastri. Conosci te stesso… ma non troppo.

Le chemin de Dieu passe par notre humanité

Extraordinaire passage du Bienheureux cardinal Newman :

En péchant, en souffrant, en nous corrigeant nous-mêmes, en nous améliorant, nous avançons vers la vérité par l’expérience de l’erreur ; nous obtenons le succès à travers l’échec. Nous ne savons comment agir bien sinon après avoir mal agi. […] Nous savons ce qui est bien non de manière positive mais négative ; nous ne voyons pas la vérité d’un seul coup pour nous diriger vers elle, mais nous nous jetons sur l’erreur pour en faire l’expérience, et nous découvrons qu’elle n’est pas la vérité. […] Tel est le mécanisme par lequel nous parvenons au succès ; nous marchons vers le ciel à reculons ; nous visons de nos flèches une cible et pensons qu’il est bien adroit celui dont les ratés sont les moins nombreux.