Si prega di artigiano

Prière monastique du XIIe siècle
Apprends-moi, Seigneur, à bien user du temps que tu me donnes pour travailler
Apprends-moi à unir la hâte et la lenteur, la sérénité et la ferveur, le zèle et la paix. Aide-moi au départ de l’ouvrage. Aide-moi au cœur du labeurEt surtout comble toi-même les vides de mon oeuvre : Seigneur, dans tout labeur de mes mains laisse une grâce de Toi pour parler aux autres et un défaut de moi pour parler moi-même.

Garde en moi l’espérance de la perfection, sans quoi je perdrais cœur. Garde-moi dans l’impuissance de la perfection, sans quoi je me perdrais d’orgueil

Seigneur, ne me laisse jamais oublier que tout travail est vide sauf là où il y a amour

Seigneur, enseigne-moi à prier avec mes mains, mes bras et toutes mes forces. Rappelle-moi que l’ouvrage de mes mains t’appartient et qu’il m’appartient de te le rendre en le donnantQue si je fais pour plaire aux autres, comme la fleur de l’herbe je fanerai au soir. Mais si je fais pour l’amour du bien, je demeurerai dans le bien. Et le temps de faire bien et à ta gloire, c’est tout de suite.

Amen

Antigone, ribelle e intimo (2/7. il funerale)

IMG_0959-1024x768

2parte ND : il funerale

— «Mia carissima Ismene. Ho questa mattina per dire che ho preso cura di tutto. Ho preso la stessa funebre per i nostri fratelli. Je ne pouvais pas choisir et comme nos frères n’ont pas laisser de dernières volontés, Ho preso le cose in mano per questo risolto il più presto possibile. Ho ancora ordinato un imbalsamatore in modo che siano presentabili. Se si vuole andare a vedere, essi saranno pronti a 15 orario. Non sei obbligato. infine, se si può prendere dieci minuti, può essere buono. Forse è meglio mantenere una foto di loro felice, ad esempio i bambini. Ho preso lo stesso modello urna per due. Un prete verrà al funerale e fare un breve discorso prima della cremazione. Ho ordinato la sua venuta al funerale. che si vede, Ho gestito tutto. Eteocle essere sepolti nel cimitero che si trova a circa trenta minuti di Tebe prendere nazionali. a Polinice, è più complicato con la legge del nostro zio, Créon. Ho deciso di diffondere le sue ceneri sul campo di battaglia come il re non vuole che lui a essere sepolto. Ha senso, non? Ditemi cosa ne pensate, Io non sono fermato su questo punto. » Ce portrait d’Antigone vivant au XXIe siècle livrant les dépouilles de ses frères au chargé des pompes funèbres résume le rite des funérailles de nos jours. La famiglia è stata fatta dalla rivoluzione industriale improduttivo. Les funérailles ne s’inscrivent guère plus dans la tradition familiale. Le monde moderne se rassérène en employant la formuledare un senso, comme la traduction de l’expression anglo-saxonne se fait entendre de nos jours, et comme il est si réconfortant de se le répéter sans que cela ait vraiment de… sens, perché ciò che questi mini-trovato senso sul terreno quasi per caso, qu’est-ce que ces sens il dolore della pelle qui s’invitent sans qu’on n’y soit pour rien ou presque, altrimenti i residui di una direzione passato, un senso comune, un buon senso scolpito da secoli? Attraverso la distruzione della famiglia, la trasmissione tra le generazioni è carente, il significato delle nostre azioni è perduto, deve quindi inventare senso, mosto fare senso, si deve dare di nuovo l'illusione di vivere, di non aver completamente abdicato. Inganno si appoggia contro l'ignoranza, e anche qui, la truffa non data uno giorno. Il significato dato dalla morte in famiglia, questo senso quasi completamente dimenticato oggi, è ricordato da Antigone di Sofocle in gioco ', dove si erge come un custode dei valori che rilasciano, in quanto proteggono gli esseri umani dagli animali. Antigone ribadisce ciò che l'uomo può e non può; afferra d & rsquo; una forza per proteggere dalla nostra volontà di potenza e di insegnare a noi il momento di essere responsabili; una volta al giorno d'oggi affidata a specialisti certifiés remplaçant de la famille, individui che la compongono e legami tenui tra loro dal momento.

Continua a leggere “Antigone, ribelle e intimo (2/7. il funerale)”

Antigone, ribelle e intimo (1/7. la famiglia)

antigone-900x599

1era partito : famiglia

Dalla prima lettura di Antigone, un'ambiguità nella mente del lettore. Antigone incarna l'azione o reazione? Ciò che muove Antigone? La reazione non esiste di per sé, mentre l'azione non ha bisogno di nessuno, è legittimo in atto. Azione inaugura sempre qualcosa. A differenza di quanto spesso si dice, o pensiero, Antigone non si aspetta di essere Creonte Antigone. Come Electra di vendetta, Nausicaa per l'accoglienza, Penelope per la fedeltà, Antigone incarna dovere. È l'azione, in quanto serve: essa non si compia nel dovere. Si realizza in schiavitù (facciamo finta di dimenticare che la schiavitù significa essere "schiavo"?). A differenza di quanto spesso si dice, o pensiero, Antigone non è mai un individuo. E non è mai solo è. Se la legge Creonte spinge per l'azione, e se può sembrare una reazione, è solo in superficie, per mera cronologia.

Continua a leggere “Antigone, ribelle e intimo (1/7. la famiglia)”

Quali santi a girare ?

demone - Orvietto

Il caso Maciel ci impone di porre la domanda del Male. Il nostro tempo impedisce lo sfregamento. Que savons-nous de l’œuvre du diable et que pouvons-nous faire pour nous en protéger ? Dopo aver tentato di oscurare il bene della vita, faut-il s’étonner que le mal se montre au grand jour ? Le opere del diavolo sono infinite, ma il & rsquo; Spirito Santo tutto può, tra cui trasformazione.

Si doveva avere l'eloquenza dello scrittore preferito del Papa1 pour affirmer : « Il n’y a qu’une seule tristesse, celle de ne pas être saint ». Questa domanda inebriante della santità è sempre come una stagione che non passa. Ci sono molte cose che possiamo sbarazzarci, ma mai la questione della santità in parte. Si è consustanziale con noi. Non appena si vede o vedere qualcosa di giusto o ingiusto, qualcosa sotto il bene o il male, camminiamo sulla via della santità. Se ad esso o contro di esso. Ci vuole molto tempo per rendersi conto di quanto il tema della santità è che consustanziale. Noi siamo santi, siamo un tempio, abbiamo lasciato la chiesa che è santa, siamo a immagine di Dio, che è santo, Eppure noi ébrouons, cadiamo, lottiamo, ci sforziamo… Così poco risultati per tante promesse. Questa è la quantità richiesta Condizioni santa di sforzo e dà pochi risultati visibili.
Continua a leggere “Quali santi a girare ?”

L'abbandono di Benoît XVI

Océan

Eli, Eli lama sabachtani ?” 1 Lorsque Benoît XVI signifie, en quelques mots simples, qu’il renonce à la fonction de pape, c’est un tremblement de terre qui secoue le monde et qui frappe les catholiques. Les bruits les plus farfelus courent et chacun de s’interroger sur les causes de cette décision qui, même si elle n’est pas unique, provoque la stupeur. Personnellement deux sentiments m’habitent : l’abandon et la tristesse, son poisson-pilote, pour ne pas dire la désolation. L’abandon ressemble à un écho qui ne cesse de se reproduire et de s’amplifier, comme une plainte entêtante.

Continua a leggere “L'abbandono di Benoît XVI”

testimonianza cristiana

Quando j & rsquo; ho iniziato questo blog, rapidamente m & rsquo; s è venuto & rsquo; d & rsquo idea, scrivere sulla liturgia. Non per rivendicare uno status specialista, ma di condividere la mia esperienza di ciò che è il cuore della vita & rsquo; un cristiano. C'erano due strade che dovevano fondersi : Abbiamo dovuto dire la Messa (e dei suoi benefici), e poi affidare il percorso che il & rsquo; aveva rivelato.

parte 1 : Che massa per la quale chiesa ? – Davanti & rsquo; chiesa

Prêtres en soutaneDurante l'anno 1987, Ho pensato che era arrivato il mio tempo. La mia vita stava crollando. La vita non potrà mai crollare, Io metterò un paio di anni per capire ; o fermate, o diventa. La mia vita è stata così trasformata, violentemente, profondamente, lei mi ha offerto laenantiodromos comme disent les Grecs. I enantiodromos è su questa strada che si divide, che separa, che diventa due, e invece ci troviamo di fronte alla scelta. I enantiodromos mi ha aiutato a capire che cosa la libertà. Questa era una situazione senza precedenti, I & rsquo; vado & rsquo; la realizzazione di. Questo incrocio quando la vita prende una svolta segni abbastanza inaspettato il passaggio dall'infanzia all'età adulta. Questo momento non ha età. Voglio dire che si può vivere a qualsiasi età. Non dovrebbe non sia sotto tensione. Non capisco che cosa differenzia la libertà sperimentato durante l'infanzia libertà scelto all'età adulta. Poiché la scelta fatta, diventiamo un'altra ; l'esperienza ci mostra e dà un quadro e il fondamento di personalità.

Continua a leggere “testimonianza cristiana”

Une année qui finit

Sur une année qui finit, on jette souvent un regard furtif. Ne pas trop s’attarder. On ne sait jamais combien de choses dont on s’est forcé à enfouir le souvenir pourraient à nouveau apparaître, à l’instar de ces fenêtrespop upimpromptues, malpolies et irritantes sur Internet. L’exercice que l’on peut réaliser est de se concentrer très fortement pour extraire les événements importants ; les événements qui permettront de comprendre pourquoi ils ont tellement compté ; en quoi ils se sont révélés déterminants. Il est aussi important de ne pas perdre de vue le moment où l’événement apparaît.

Continua a leggere Une année qui finit…”

Monseigneur Centène

Les Vannetais sont des gens bien lotis. L’homélie de Monseigneur Centène en la cathédrale Saint-Pierre de Vannes dimanche dernier revigore. Ce n’est pas la première fois que les homélies de Monseigneur Centène sont citées sur les sites catholiques, et au vu de la qualité de celles-ci, ce n’est pas près de finir.

Continua a leggere Monseigneur Centène…”

Sacerdote "generazione Benoit XVI"

Cher Monsieur l’Abbé,

C’est avec grand plaisir que je salue votre départ. Non pas que je sois heureux que vous quittiez la chapelle Notre-Dame du Lys, mais parce que je suis heureux de vous avoir rencontré et que vous continuiez votre sacerdoce en montrant l’exemple du prêtre selon Benoit XVI.

Hier, pour la fête de la Sainte Trinité, vous avez célébré votre dernière messe selon le rite extraordinaire dans le 15e arrondissement de Paris. Dans cette petite chapelle si pieuse, où vous êtes arrivé en 2009 lorsque le diocèse de Paris a commencé à assumer la responsabilité de la chapelle et à nommer des prêtres à son service. Et alors que vous aviez déjà été ordonné prêtre depuis presque dix années, vous avez appris à célébrer la messe selon le missel de 1962 ! Belle leçon d’humilité ! Vous vous êtes coulé dans le moule de la forme bi-millénaire. Pour répondre à la demande de vos supérieurs, mais aussi à celle d’un groupe d’irréductibles fidèles amoureux du rite extraordinaire.

Continua a leggere “Sacerdote "generazione Benoit XVI"”